Due chiacchiere con Sonia Lombardo

L’amministratrice di Storia Continua ci racconta il suo progetto per il self-publishing.

Abbiamo incontrato Sonia, giovane e talentuosa blogger, ideatrice di uno dei più completi portali sulla scrittura online: Storiacontinua.com
Ci ha parlato del suo progetto e di un interessante eBook rivolto agli aspiranti autori self, una guida che si presenta come un faro puntato nel mare in tempesta del self-publishing.
Buona lettura!

Ciao Sonia, raccontaci in poche parole qualcosa di te. Chi è Sonia Lombardo?

Ciao Marco e grazie per questa opportunità. Mi piacerebbe sfruttarla al massimo, vista l’importanza e la qualità del tuo progetto qui su Medium, lanciandomi in una super presentazione di me stessa, con tanto di squilli di tromba, ma la verità è che alla domanda “Chi sei?” mi blocco sempre un po’, perciò la faccio semplice: sono una blogger, editor, appassionata di narrativa e scrittura digitale.

Come nasce Storia Continua, il tuo laboratorio online rivolto alla scrittura?

Storia Continua nasce come qualsiasi altro blog, per la voglia di condividere la propria passione, appunto, con il resto del mondo, o almeno con altri fissati come te… Poi, mi sono accorta che poteva diventare un mezzo utile, un luogo dove gli scrittori potessero mostrare ciò che riuscivano a fare fondendo letteratura e tecnologie digitali, ed essere di esempio per tutti gli altri.

Cosa ti ha insegnato questa attività di divulgazione e condivisione?

Grazie a Storia Continua, mi si è proprio aperto un mondo di opportunità, sia sotto l’aspetto personale che professionale. Ho conosciuto scrittori, editori, programmatori, tutti con una gran voglia di innovare e sopratutto sperimentare. Questa credo sia la cosa più importante che mi hanno insegnato: non lasciarsi demoralizzare dalle critiche, dagli sguardi di sufficienza, da chi proprio non capisce il lavoro che fai.

Su Storia Continua ci sono diversi articoli che parlano di scrittura, e sulle tecniche per migliorarla. Parliamo allora di qualità: nel 2016 in Italia quanta qualità è possibile trovare nel self-publishing?

Vista la gran quantità di materiale che viene autopubblicato ‒ e con self-publishing io intendo anche chi crea un Pdf e lo distribuisce tramite un sito web, o pubblica un racconto a puntate su un blog ‒ la qualità non raggiunge altissime percentuali. Ma credo che la stessa considerazione può essere fatta anche più in generale su tutto il panorama editoriale: se si pubblicano più libri di quanti se ne vendono, un motivo ci sarà.
Ad ogni modo, ci tengo a precisare che un libro di scarsa qualità per me, può essere un capolavoro per molti altri, tenendo presente che io tendo ad evitare qualsiasi tipo di maghi, vampiri, astronavi e sfumature varie, mentre la maggior parte dei libri autopubblicati che vendono, e anche bene, sono proprio libri di genere… beh, ecco quanto contano le mie considerazioni circa la qualità del self-publishing!

“Self-publishing a Confronto” è il tuo ebook, un’utile guida per districarsi nella palude del Self-publishing e delle sue offerte. Come nasce questo progetto?

Lo spiego anche nella premessa dell’ebook: Self-publishing a Confronto nasce dal suggerimento di una lettrice del sito, che in un commento espresse proprio la difficoltà nel riuscire a scegliere il servizio più adatto per la mancanza di informazioni, che fossero dettagliate e soprattutto permettessero di fare un raffronto tra le varie piattaforme. Presto detto (si fa per dire) mi sono messa a leggere dei siti di self-publishing quelle pagine che nessuno legge ‒ hai presente? ‒ termini di utilizzo, supporto, ecc… Ho intervistato gli amministratori, ma soprattutto gli autori che con successo hanno usufruito di tali servizi. Ci ho messo un po’, ma alla fine tutte le informazioni sono state raccolte nell’ebook che, di volta in volta, viene aggiornato con le ultime novità lanciate sul mercato.

Avendo analizzato tutte le maggiori piattaforme italiane per il self-publishing, quali considerazioni hai tratto? Il panorama è effettivamente vario o si assiste piuttosto ad una omologazione dei servizi in cui solo l’aspetto economico fa da ago della bilancia?

Devo dire che, diversamente da quanto si può pensare (e io sono diffidente di natura) in questo settore non è l’aspetto economico a pesare di più sulla bilancia. C’è chi intende speculare, non lo nego, d’altronde il self-publishing è in crescita e tutti cercano di accaparrarsi la propria fetta, ma se guardo alle principali piattaforme italiane, ho potuto constatare un genuino intento di mettersi al servizio degli scrittori per mostrare loro una strada alternativa. Si sono moltiplicati i servizi editoriali e di assistenza diretta agli iscritti (del tutto opzionali), le possibilità di fare comunità con gli altri membri di una piattaforma, cosa che non si trova su Smashwords o KDP.

In che modo la lettura di “Self-publishing a Confronto” semplificherà la vita agli autori?

Innanzitutto si può prendere esempio da chi ha già intrapreso la strada dell’autopubblicazione. Poi, vengono elencati i servizi di cui si può usufruire per ogni piattaforma e, in media, la spesa da affrontare se si vuole autopubblicare il proprio libro. Ma non mancano le alternative anche per chi è intenzionato a non spendere un solo euro!

Quali sono, a tuo avviso, le insidie maggiori cui va incontro un autore alle prime armi che si cimenta col self-publishing?

Le insidie, eh? Credo che chiunque voglia cimentarsi con il self-publishing debba mettere in conto le insidie; se ci fosse un contratto da firmare sarebbero tutte lì, scritte in piccolo nell’ultima pagina: l’impaginazione che è venuta veramente uno schifo, distribuzione inesistente, persone che si fanno pagare per servizi che non ti daranno mai (io sto ancora aspettando le nuove copertine dei miei ebook) concorsi che per premio ti impongono di rinunciare al diritto d’autore, presentazioni andate deserte, critiche feroci di lettori anonimi, che ti insultano per il gusto di farlo. Questo è il peggio, ma è anche il meglio che ti può succedere per farti decidere se rinunciare o diventare il miglior scrittore indipendente sulla piazza.

Quanto sono importanti la condivisione e il gruppo, per un autore che si pubblica da solo?

Fondamentali: è tramite il confronto con gli altri che prendiamo le misure della nostra personalità, questo vale a maggior ragione per gli scrittori. Molti di quelli che mi contattano mi dicono: “Ho un libro e voglio pubblicarlo”. Da pochissimi sento dire: “Ho scritto una cosa ma non so se può davvero diventare un libro”. Lo scambio con i potenziali lettori, prima di pubblicare, ti fa capire se ciò che senti l’urgenza di comunicare può avere un reale impatto sulle altre persone.

Il self-publishing è secondo te un semplice ripiego per autori che faticano a trovare un editore o ha le carte in regola per rappresentare una prima scelta di qualità?

Non lo so. Anche qui, credo dipenda dagli autori. La maggior parte di quelli che ho ospitato per la rubrica Ebook in Adozione, raccontano di non aver trovato spazio nell’editoria tradizionale e aver tentato con il self-publishing a far conoscere il proprio libro. Altri, invece, abbandonano delusi la via vecchia (case editrici che non promuovono, contratti poco convenienti) e tornati in possesso dei diritti sulla propria opera la autopubblicano. Altri ancora diventano così bravi che vengono intercettati dalle grandi case editrici. Ecco, credo che il punto sia questo: quanto sei bravo e quanto sei disposto a fare per diventare bravo.

Grazie per essere stata con noi, Sonia. Per concludere: tre consigli agli autori che scelgono la strada del self-publishing.

È stato un vero piacere, e per lasciare nei tuoi lettori un buon ricordo darò loro un unico consiglio, mutuato dal film di Massimo Troisi “Non ci resta che piangere”, in cui una giovane Amanda Sandrelli diceva: bisogna provare provare provare provare provare


Blogger, SEO copywriter e Web editor indipendente.
Dal 2010 gestisce il sito Storiacontinua.com dedicato agli scrittori che vogliono pubblicare le loro opere in digitale. Da questa esperienza sono nati gli ebook della serie “Guide alla Letteratura 2.0”, che raccolgono tutta la vasta gamma di opportunità in campo editoriale offerte oggi da Internet.

Potete seguire Sonia e Storia Continua su Facebook e Twitter


Self-publishing a Confronto
http://www.storiacontinua.com/e-book/pubblicare-senza-editore/
Autore: Sonia Lombardo
Editore: Smashwords
Anno: 2012 (ultimo aggiornamento 2016)
Isbn: 9781476328430

Disponibile in formato eBook su Amazon e Streetlib


Il momento dei “SE”

Se ti è piaciuto l’articolo, lascia un cuoricino per raccomandarlo ai tuoi contatti, e segui l’autore — qui sotto, alla fine del pezzo, trovi i tasti per farlo.
Se ti interessa il nostro progetto, clicca Follow per non perderti le novità su Scrittori Indipendenti.
Se vuoi collaborare con noi ed entrare a far parte del gruppo, clicca qui sotto sull’articolo di benvenuto e scopri come fare — tranquillo, niente riti di iniziazione!