Alessandro Caira
Aug 1 · 7 min read
Photo by Cassy Josh on Unsplash.

Sono le 23.30 di una tranquilla sera di Novembre, sono nel letto e navigo da mobile come al solito prima di addormentarmi. Sento la vibrazione del telefono e mi appare a video una notifica di Quora. Mi dice che mi hanno ammesso nel loro Programma Partner.

Resto confuso per qualche secondo, non ho mai richiesto l’iscrizione al loro programma, ma poi associo subito la parola Partner ad Affiliato, quindi mi alzo e corro verso il PC. Fino a quel momento non sapevo che con Quora si potesse guadagnare. Da alcune fugaci ricerche scopro non solo che si può guadagnare ma leggo di gente che si è divertita parecchio con le commissioni e ci sono altri che addirittura vendono il proprio account Partner.

Il Programma Partner di Quora permette di guadagnare ponendo domande alla community, è un modo abbastanza “originale” che il reparto marketing ha trovato per aumentare sia engagement che numero di contenuti sulla piattaforma. Come qualsiasi curioso comincio a far domande: 10, 20, 50… e continuo per un paio d’ore. Prendo il sito di Focus.it e con gli operatori di ricerca di Google comincio a filtrare le pagine con i “perché” e i “come” per trovare domande dalle quali prendere ispirazione.

Operatori di ricerca su Focus.it

Dopo qualche giorno comincio a vedere cifre interessanti: 3, 5, 10 $. Quando un programma d’affiliazione/partner è così prospero ci possono essere due ragioni: hanno allocato molto budget nel reparto marketing oppure siamo solo all’inizio ed i Partner non riescono da soli a “spendere” tutto il budget. Opto per la seconda e comincio a ideare una strategia per ottenere un engagement superiore alla media degli altri Partner. Comincio a studiare come funziona il sistema di retribuzione, se si basa sui voti positivi ai post, sui commenti, sulle views o sul traffico esterno. Al momento Quora paga davvero molto il traffico da sorgenti esterne (social ma soprattutto Google), e all’inizio avevo stimato un rapporto di 1:3 tra views interne a Quora e traffico esterno.

Comincio a prendere come benchmark alcuni dei profili più attivi su Quora EN, DE, FR e noto un comportamento “interessante”. Ci sono interi profili che traducono domande e risposte di altre persone in altre lingue. Vedo una risposta molto bella su Quora EN tradotta nel Quora francese e subito ipotizzo: non è che questi hanno trovato il modo di farsi pagare traducendo le risposte altrui?

La mia prima traduzione pubblicata su Quora.

Così decido di pubblicare la mia prima traduzione (proprio quella nello screen). A distanza di alcuni giorni noto che la domanda comincia a produrre 10 $, 20$ e poi 50$. Su Quora le risposte tradotte diventano risposte dell’account che le traduce con un semplice snippet che avvisa che quella risposta è in realtà una traduzione e, se lo stesso profilo traduce anche la domanda, questa ha tutti i requisiti per maturare commissioni nel tempo. Così pubblico la seconda traduzione (grande Freddie) e continuo a notare che l’engagement sale ancor di più.

Inizialmente faccio tutto manualmente e per una traduzione da 500 parole impiego almeno 50 minuti tra documentazione e revisione, decisamente troppo effort per uno che non svolge questo lavoro ogni giorno. Ci siamo, questo è stato il segnale che mi ha fatto pensare “devo automatizzare il processo di produzione delle traduzioni”.

Pubblico un annuncio su AlVerde e mi risponde Jessica Maggi, una gentile traduttrice laureata in Lingue. Cominciamo una meravigliosa collaborazione per 4 mesi, creo un nuovo account su TeamWork Projects e si parte. Giorno dopo giorno le lascio le traduzioni nella piattaforma e lei le traduce. Ad oggi abbiamo raggiunto le seguenti milestone:

Statistiche cumulative dell’intero account.
  • 180 risposte tradotte da EN a IT;
  • 3.400.000 visualizzazioni delle domande e delle risposte;
  • 14K voti positivi.

Automazione e scalabilità

Esempio di estrazione basata su Xpath con “Scraper” per Chrome.

Con l’avanzare delle settimane mi accorgo che passo ore ed ore a spulciare Quora in inglese alla ricerca di domande con tanti “upvotes” da tradurre. Quindi, per velocizzare l’intero processo, con Seo Tools for Excel comincio ad estrarre i dati dalle pagine delle domande di Quora tramite Xpath. Gli stessi dati si possono estrarre con lo Scraper per Chrome, ma è un metodo semi-automatico (più lento rispetto ad Excel) e funziona molto semplicemente: si clicca con il tasto destro su un elemento HTML e poi si clicca su “Scrape similar”. Il plugin si attiva e, se ci troviamo di fronte ad una lista di elementi ripetitivi, si ottiene un elenco dei titoli, url e tutto ciò che si desidera. Spesso sbaglia ma basta ricavare manualmente l’Xpath con “Ispeziona elemento” del browser ed il plugin torna a funzionare correttamente.

Esempio di Xpath utilizzato con Seo Tools for Excel.

La procedura funzionava, 2 ore al giorno di effort si erano trasformate in 20 minuti con un sistema più affidabile e preciso.

Epilogo e guadagni

Col passare dei mesi noto che nel programma Partner entrano sempre nuovi player agguerriti e le commissioni si abbassano incredibilmente. Molti di questi vengono bannati, altri cominciano ad utilizzare Google Traduttore per sfornare nuove traduzioni low cost e low quality, e le commissioni cominciano a subire una diluizione importante.

Nel mese più proficuo ho avuto un ROI del 178%, non male per un side project così divertente. Invece, nei mesi in cui le commissioni cominciavano ad esser più basse, ho perso un secco -12% nel primo mese per poi subire un crollo del -56% MoM nel secondo mese, dunque sono stato costretto a fermarmi con gli investimenti.

Al momento l’account continua a produrre qualche dollaro al giorno “on autopilot”. Le vecchie traduzioni continueranno a portare piccoli utili giorno dopo giorno fino ad 1 anno dalla loro pubblicazione, periodo dopo il quale non ci saranno più commissioni. Da regolamento, con le domande su Quora si guadagna fino ad un massimo di 365 giorni dalla data di pubblicazione.

Entrare nel programma Partner

Al momento non esiste un modulo di richiesta o un “metodo” per entrare a far parte del programma Partner di Quora. Dall’idea che mi son fatto, gli utenti vengono selezionati dai responsabili alla Community italiana in base a metriche di merito. Solitamente viene invitato chi viene ritenuto in grado di generare engagement e chi crea valore.

Ecco ciò che si dichiara nella pagina ufficiale di Quora:

Come fanno le persone che conosco a partecipare?

Al momento la partecipazione al programma è consentita solo su invito, ma stiamo pensando di coinvolgere un maggior numero di persone in futuro.

Specifico che sono entrato a far parte di questo programma dopo 3 mesi di inattività, quindi essere particolarmente attivi non sembra un elemento cruciale, almeno non lo è stato per me. Probabilmente qualcuno di Quora Italia ha trovato qualche mia risposta di qualità e ha supposto che fossi “meritevole” di tale nomina.

Ecco alcuni consigli per aumentare la probabilità di essere invitati nel programma partner:

  • Appena creato l’account bisogna creare engagement rispondendo alle domande altrui in modo preciso e puntuale, dando il massimo valore possibile;
  • Fare domande di qualità, cercando di stuzzicare la curiosità della Community;
  • Rispettare rigorosamente i Termini di utilizzo della piattaforma. Ad esempio se citi o riproduci i contenuti altrui, accertati di includere sempre un link alla fonte. Allo stesso modo, sii gentile e propositivo nei confronti degli altri membri, non rispondere con sarcasmo ma cerca di essere sempre utile;
  • Non far nulla che possa farti segnalare al team di Moderazione di Quora. Molte delle loro decisioni sono giuste, altre un pochino meno, però è un reparto che funziona abbastanza bene. Ad esempio, le risposte sarcastiche o quelle di 2 righe contenenti un link al tuo sito, potrebbero costarti una segnalazione per spam: “promozione di un link o di un prodotto”.

Quanto tempo ci vorrà? Non è dato sapere nemmeno questo. Secondo me, se ti piace lo spirito di Quora, è meglio utilizzare questo social per puro approfondimento della propria conoscenza. Non sarà mai un tempo speso male, anzi ci sono tanti utenti validi ed interessanti che ogni giorno condividono le proprie opinioni. Quindi, se alla fine diventerai Partner tanto meglio, in caso contrario avrai arricchito le tue conoscenze.

Di seguito una riflessione sul sistema di pagamento utilizzato da questa piattaforma.

PayPal, quanto costa davvero?

Quora paga solamente via PayPal e soprattutto in dollari. Ricevere i pagamenti su PayPal mi è costato in totale circa 0,03 centesimi di dollaro per ogni euro trasferito sul conto bancario. Il metodo è sempre lo stesso e viene utilizzato anche negli aeroporti. Zero commissioni ma un cambio sfavorevole, quindi in realtà le “commissioni” sono celate dietro il cambio della valuta.

Attualmente PayPal converte 1 € a 0,86 $, mentre il cambio globale corrente è 1€ a 0,89 $. Purtroppo non si può far molto se non spendere il denaro in dollari, quindi acquistare sugli shop con valuta in dollari per mantenere intatto il potere d’acquisto.

Cosa ho imparato?

Il programma Partner di Quora è stato come una borsa di studio che ha finanziato i miei esperimenti. Sono entrato in contatto con software e persone che mi hanno insegnato molto sul versante professionale. Prima di quel periodo non mi sarei mai sognato di estrarre dati via Xpath o sperimentare la traduzione di contenuti per quello che si potrebbe definire un sano “arbitrage” tra due mercati differenti (EN e IT).

Certo, come tutti gli esperimenti non è durato a lungo, i social si muovono molto velocemente e il business model cambia in continuazione. In fin dei conti è la stessa cosa che mi è accaduta con SoundCloud, Behance ed Instagram, quindi l’ho subito accettata.

Ma ora tocca a te, cosa ne pensi di questo caso studio? Fammelo sapere con un commento, ti risponderò con piacere.

The Best Or Nothing

Il blog di Alessandro Caira dedicato al mondo della Seo applicato ai sistemi d’affiliazione.

Alessandro Caira

Written by

Seo & Business Developer. Lavoro nel mondo Seo affinando le tecniche per monetizzare con le affiliazioni. Attualmente ho all’attivo 13K ore di studio e analisi.

The Best Or Nothing

Il blog di Alessandro Caira dedicato al mondo della Seo applicato ai sistemi d’affiliazione.

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade