Capelli: il passaggio all’ecobio!

Il passaggio dai prodotti tradizionali a quelli ecobio è stato semplice: la crema mi idratava di più, il detergente mi lasciava la pelle pulita ma senza la fastidiosa sensazione di “tirare”, il docciaschiuma non era aggressivo…tutto molto più piacevole. Unica eccezione: i capelli!
Passare da shampoo e balsamo tradizionali a quelli ecobio non è stato così facile. Lo shampoo soprattutto: i primi tempi, durante il lavaggio, avevo la sensazione che i capelli si stessero ingrovigliando in via definitiva e che non sarei mai riuscita a sciogliere i nodi, e una volta asciutti erano sempre crespi e secchi, nonostante i quintali di balsamo.

Parlo al passato perché ora non succede più! :-) Cos’era successo?

  • I prodotti tradizionali, pieni di siliconi, nel tempo avevano creato sulle lunghezze una sorta di patina resistente, un rivestimento impermeabile. I prodotti ecobio ci hanno messo diversi lavaggi a sciogliere questa patina.
  • I capelli, dopo essere stati soffocati a lungo dal silicone, erano secchissimi (perché il silicone li sigillava e impediva loro di assorbire le sostanze nutrienti di balsami e impacchi) e con le squame tutte sollevate — da qui l’effetto crespo&secco.
  • Pian piano, togliendo la patina di silicone e nutrendo i capelli con il prodotto giusto, i capelli hanno riacquistato luce e morbidezza. Le punte troppo danneggiate sono state tagliate — btw, non credere a quei prodotti che promettono di riparare le doppie punte: si chiama colla!

Se non ricordo male, quando ho iniziato ad usare i prodotti ecobio era aprile di tre anni fa; ad agosto passai tre settimane al mare — lucky me! — armata solo di shampoo e balsamo autoprodotti. Risultato: erano talmente sani che a settembre ho potuto evitare il consueto taglio per eliminare le punte sfibrate e sono anche tornata “meno bionda”: hai presente il naturale scolorimento dei capelli quando siete al mare? Ecco, quell’anno sono tornata a casa con lo stesso castano di prima, a riprova della riconquistata salute dei capelli!

Oggi, a tre anni di distanza, il trattamento è sempre lo stesso: shampoo delicato, maschera nutriente — che tengo in posa due minuti, il tempo di insaponarmi e poi sciacquo tutto — e saltuarie, ma utilissime, applicazioni di olio. A questo proposito: t’interessa un post su come usare l’olio sui capelli?!

P.S. Questo è un estratto della mia Newsletter settimanale, che arriva tutti i lunedì. Se ti è piaciuto puoi iscriverti qui. Se invece vuoi tornare al mio sito puoi cliccare qui.