Tutte le persone che compongono la community di Amiko sono Speciali.

Forse è un caso o forse esiste qualche motivazione remota che può spiegare questo fenomeno.

Tra queste, una delle prime che ho conosciuto è stata Marina.
Sempre gentilissima, disponibile, Energica, Buona.

Marina è stata da subito una delle persone che ha contribuito di più al progetto di Amiko.

Dopo qualche tempo passato a sentirsi e chiacchierare online, finalmente mercoledì scorso ci siamo conosciuti.

Ero entrato con l’idea di fare due chiacchiere con Marina, ma ho presto capito che non avevo potere decisionale: 3 minuti dopo il mio ingresso stavo chiacchierando con suo figlio — futuro medico spero di successo visto che mi ha dato due dritte — e poco dopo mi sono trovato seduto al tavolo della cucina, armato di forchetta e una fetta di pastiera napoletana che ci si poteva sfamare un esercito, bicchierone di succo & caffè.

Tra un boccone e l’altro sono stato in compagnia di Marina, Daniele
(il medico e mio nuovo mentore in fatto di serate) e di quattro o forse cinque o forse sei amici della figlia di Marina.

Dopo questo Fantastico benvenuto abbiamo chiacchierato amabilmente:
Amiko e i suoi sviluppi futuri, il diabete, la sua gestione, il ruolo dei famigliari, il futuro, il coniglio che riconosce le Ipo, la ricetta della pastiera, il crossfit e la tartaruga.

Marina e tutto ciò che le ruota attorno hanno la lettera maiuscola:
La Casa, La Famiglia.
Come ho già avuto modo di dire a lei, il momento dopo essere entrati ci si sente a casa propria, compresi in un luogo nuovo ma dove si ha l’impressione di essere stati da sempre.

Grazie Marina, grazie Daniele, grazie Roberta, grazie Antonio,
al coniglio, alla cavia e alla tartaruga

Spero di venire nuovamente a trovarvi presto!

Dopo questa foto Daniele ed io abbiamo subito un intervento d’urgenza dal parrucchiere!!