Illustrazione di Guy Shields

La terra del libero arbitrio

La filosofia spiegata (anche) ai ragazzi

Non ho mai avuto molta esperienza con la filosofia. Non avendola mai studiata a scuola non ho mai avuto il piacere di leggere di filosofi e pensatori, e nonostante abbia provato a cimentarmici da solo, la materia non è riuscita a fare presa su di me.
Può però capitare, alcune volte, che io trovi un libro capace di riaccendere in me la curiosità, la voglia di studiare e di arricchirmi. È il caso di August di Bernard Beckett (che già avevo apprezzato anni fa con Genesis), autore che in poche ore è stato capace di riempirmi la testa di domande.
E gliene sono grato.

Riassumere la trama di August è difficilissimo, perché il rischio spoiler è molto alto. Sarebbe un peccato svelare in anticipo gli elementi che compongono il romanzo, perché gran parte della soddisfazione nella lettura deriva anche dal rimanere scioccati, estasiati e confusi per la prima volta.
Posso però dire questo: i protagonisti sono uno studente di filosofia e una prostituta. I due sono in una macchina di notte quando fanno un incidente, ritrovandosi bloccati all’interno del mezzo e capovolti a testa in giù. L’unica cosa da fare per loro è aspettare che sorga il sole e che qualcuno li veda, dunque per passare il tempo decidono di parlare. Delle loro vite, delle loro storie, ma anche del loro futuro.

Da qui in poi, è tutto territorio spoiler. Ci sono pochissimi elementi che mi è concesso rivelare, e anche se ve ne parlassi probabilmente non capireste.
Il punto è questo, però: August non è il libro che sembra essere. Al contrario, è una storia raccontata con maestria, ricca di elementi a tratti incoerenti e inusuali che formano un mondo curioso e agghiacciante.
Nel libro ci sono società dai tratti vagamente distopici, una città circondata da alte mura, mix tra tecnologie avanzate e antiche, luoghi sperduti nel tempo e lunghe discussioni di carattere teologico e filosofico. Perché, infondo, August non è solo la storia di due persone: è un libro di filosofia.

Il tema principale è quello del libero arbitrio, esplorato con intelligenza. La presenza di riflessioni profonde non lo rende un libro accessibile a tutti: non è un romanzo da spiaggia, non è una lettura leggera, e richiede concentrazione — ma è proprio questo a renderlo unico nel suo genere.
Pure l’etichetta di young adult gli sta stretta: certamente narra della giovinezza di due individui, e certamente esplora il dilemma teologico e filosofico che affrontiamo quando siamo giovani. Ma inserito nel panorama YA, August è una perla di rara bellezza, una storia totalmente diversa da ciò a cui siamo stati abituati.
Il linguaggio non è mediato o censurato, e le tematiche sono forti perché devono esserlo. Sembra quasi che l’autore si sia posto non l’obiettivo di raccontare la filosofia ai giovani, ma di esplorarla tramite essi, e donare spunti a chi legge.

August fa proprio questo: spinge il lettore a farsi domande. E lo fa accompagnandolo per mano, ma senza imporgli una strada piuttosto che un’altra.
Nel pieno spirito della storia narrata, August è un invito all’essere curiosi, a scavare a fondo, a conoscere, a ponderare ogni decisione. E oggi, specialmente nel panorama YA, abbiamo bisogno di più romanzi così.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.