Image for post
Image for post
humasPhoto by Amanda Dalbjörn on Unsplash

Come l’Intelligenza Artificiale disegnerà il nostro futuro

Mauro Carturan
May 22 · 4 min read

La potenza di calcolo è in continuo aumento e apre a nuove e grandi opportunità. La sfida del futuro è usare queste tecnologie al servizio del bene comune, rispettando l’etica e le libertà delle persone.

Nel parlare di intelligenza artificiale ci siamo finora guardati alle spalle, per vedere quanto è stato fatto in così poco tempo. Arrivati al presente, ci rendiamo conto di come già oggi questa tecnologia sia nelle nostre vite, ma fatichiamo a guardare oltre. La grande sfida della AI (all’inglese, Artificial Intellegence), è però disegnare il futuro, grazie alle sue enormi potenzialità, nel rispetto di canoni etici e delle nostre libertà.

È questo il messaggio finale emerso dalla Mission One di Singularity University Legnano Chapter, che ha visto protagonisti due esperti del tema AI: Fabio Moioli di Microsoft e Massimo Pellegrino, Partner e New Ventures Lead di di PwC.

Da dove nasce la paura della AI?

Forse da una questione culturale e dai film di fantascienza, quelli in cui i robot diventavano nemici degli essere umani e ne prendevano il posto. Molti lavori verranno sicuramente automatizzati nel prossimo futuro, molti di più di quanto possiamo pensare. Fabio Moioli ha spiegato, però, con molti esempi concreti e reali, come i migliori risultati si ottengano dalla collaborazione tra l’intelligenza umana e quella artificiale.

Image for post
Image for post
Photo by Franck V. on Unsplash

Inoltre, ricordiamoci che l’AI si basa su algoritmi programmati da persone, dipendono dalle scelte degli esseri umani. dici Moioli, un modo per far capire che sono i nostri difetti a potersi riflettere negli algoritmi, come i pregiudizi, la discriminazione o la corruzione. Gli algoritmi imparano da noi e, purtroppo, possono imparare anche queste cose.

Fino dove può arrivare questa tecnologia?

” dice Moioli. L’AI è, come la corrente appunto, una General Purpose Technology, gli ambiti di utilizzo sono i più diversi, dal business alla sanità, uno dei settori, quest’ultimo, con le maggiori prospettive per la ricerca e le diagnosi, per esempio.

Quello che dobbiamo capire è che la AI serve per aumentare la nostra intelligenza, per aiutarci a prendere decisioni importanti” aggiunge Moioli.

Perché sorge un problema etico?

Massimo Pellegrino risponde a questa domanda sulla scia di quanto spiegato da Maioli. L’AI è oggi pervasiva, è già nelle nostre vite in modo importante, anche se non ce ne siamo accorti. Prende decisioni, grandi e piccole.

Il problema etico nasce perché l’elevato numero di calcoli che compiono gli algoritmi matematici che compongono l’AI, rende difficile sapere come questa decisione venga presa.

L’Unione Europea è all’avanguardia sul tema dell’etica dell’Intelligenza Artificiale, probabilmente per ragioni culturali. Già sulla protezione dei dati personali ha il GDPR, una normativa moderna e che gli altri continenti non hanno. Dell’etica legata alla tecnologia ne ha fatto uno dei terreni su cui competere con Stati Uniti e Cina, che sono più indietro da questo punto di vista” dice Pellegrino.

Su cosa si basa l’attenzione all’etica di questa tecnologia? Su dei principi fondamentali come:

  • La centralità delle persone: l’uomo può interagire con la tecnologia, ma deve sempre essere lui a decidere o a poter intervenire, in qualsiasi momento.
  • Qualsiasi tipo di intelligenza o tecnologia non deve danneggiare l’essere umano, né da un punto di vista psicologico né fisico.
  • La tecnologia non deve discriminare e deve rispettare principi di giustizia ed equità.
  • L’intelligenza artificiale deve essere spiegabile e trasparente.
Image for post
Image for post
Photo by Tim Gouw on Unsplash

Come riuscire ad applicare questi principi?

L’UE ha scelto di far partire questa regolamentazione dalle applicazioni AI considerate più ad alto rischio, per mercati e tipologia. Massimo Pellegrino spiega che “”.

L’obiettivo della UE è quello di fare in modo che aumenti la fiducia sulle possibilità e le opportunità dell’Intelligenza Artificiale, considerando anche i potenziali rischi sulle applicazioni che hanno un impatto sulle nostre vite.

What’s next?

” dice Fabio Moioli, una nuova frontiera della capacità di calcolo che ci porterà verso il concetto di DNA artificiale e che coinvolge anche lo storage. La prospettiva è che anche i Data Center di oggi diventino molto più piccoli, miniaturizzati, con la possibilità di far esplodere ancora di più le scienze che studiano grandi quantità di dati (Exponential Data).

Contattaci, ti aspettiamo

Il mio ruolo nel SingularityU Legnano Chapter è quello di Content Manager.

theZENagency

Parliamo di creatività, comunicazione e cambiamento.

Mauro Carturan

Written by

Content Manager Freelance, papà e idealista. Provo a dare il mio contributo per un mondo migliore.

theZENagency

TheZENagency è un’agenzia di comunicazione sopra le righe, informale e un po’ provocatoria.

Mauro Carturan

Written by

Content Manager Freelance, papà e idealista. Provo a dare il mio contributo per un mondo migliore.

theZENagency

TheZENagency è un’agenzia di comunicazione sopra le righe, informale e un po’ provocatoria.

Medium is an open platform where 170 million readers come to find insightful and dynamic thinking. Here, expert and undiscovered voices alike dive into the heart of any topic and bring new ideas to the surface. Learn more

Follow the writers, publications, and topics that matter to you, and you’ll see them on your homepage and in your inbox. Explore

If you have a story to tell, knowledge to share, or a perspective to offer — welcome home. It’s easy and free to post your thinking on any topic. Write on Medium

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store