Porte blindate…

Diario di bordo di Antonio Farini, data stellare 1470949200/0008/UTC.

Sono in una situazione di stallo, quindi torno a scrivere. Ho davanti a me una fabbrica, solito aspetto abbandonato, con le onnipresenti sentinelle che ci girano attorno. Sembrano presidiarla e per me questo è un bel problema.

Scudi termici sotto sforzo mentro entro nell’atmosfera di Zonquezius Aria.

Ho recuperato agevolmente il carico rubato nel mio primo incontro con i pirati di questo sistema, ma non prima di aver rafforzato le difese della mia nave con uno scudo deflettore più potente e resistente. Non ho avuto problemi a scendere su Zonquezius Aria, un pianeta davvero curioso: fa un freddo terribile, ma la sua superficie ha un non so che di magico, con quel verde smeraldo che ammanta tutto e quelle isole di roccia levitanti che sembrano lì lì per cadere rovinosamente.

Le curiose rocce levitanti del gelido Zonquezius Aria.

Ho visitato un paio di avamposti e nel più attrezzato di questi ho fatto un incontro curioso. Prima che entrassi è atterrata una nave nella piazzola di fronte all’ingresso, ne è sceso un Gek pomposo e dai modi affettati, che si è presentato come il direttore della base. Non ci ho ricavato molto, ma una volta dentro ho incontrato l’estremo opposto della piramide sociale di questo strambo popolo: uno schiavo. Non si aspettava che gli rivolgessi la parola e quasi si spaventava, ma alla fine ne è stato contento, anche se non ha potuto ricambiare il mio dono di carbonio. Credo però di aver rafforzato la mia buona reputazione tra i Gek.

Tornato alla nave, Atlante si è fatto risentire e questa volta con un messaggio finalmente utile. Ho capito che sul secondo pianeta del sistema, Cidinskit UW317, dove mi trovo ora, avrei trovato un oggetto fondamentale per il mio viaggio: la ricetta per preparare l’antimateria direttamente dal vapore di elettroni, più facile da trovare sul mercato e meno costoso. Peccato che abbia dimenticato un piccolo particolare: la fabbrica è blindata, presidiata e l’unico modo per entrare sembra quello di distruggere le porte di acciaio rinforzato. Sono sicuro di farcela, ma non credo che basti un solo colpo del Razor. E le sentinelle sono in agguato, temo che mi attaccherebbero anche se guardassi male quella porta, figuriamoci abbatterla.


Appunto. Ero stufo di aspettare e ci ho provato, sono riuscito a danneggiare seriamente la porta, ma ci vuole troppo tempo. Sono arrivate in pochi secondi quattro sentinelle armate fino ai denti e sono riuscito solo a saltare sulla nave e decollare in tutta fretta. Non sono ferito, ma prima di riprovarci devo aspettare che l’allarmi cessi e trovare un piano abbastanza furbo per ingannare quei droni.

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.