La comunicazione ai tempi del COVID-19.

andrea omegna
Sep 23 · 3 min read

Un’intervista ad Arianna Passaggio, Art Director in Triplesense.

Image for post
Image for post

Per fermare la pandemia, in soli tre mesi, abbiamo cambiato tutto, o quasi. Il nostro modo di lavorare, di studiare, di fare attività fisica, di socializzare, fare shopping, occuparci della nostra salute e di quella dei nostri familiari, educare i figli.
“Nulla tornerà come prima”. È stato il mantra del lockdown. Tutti d’accordo. Non si può pretendere di tornare agli elementi originali dopo aver mischiato i colori sulla tavolozza di un pittore. E la shakerata del Covid-19 è stata di quelle mai viste.

Sono cambiate radicalmente le nostre vite. Siamo cambiati noi. È cambiato il modo di comunicare. Confinati all’interno delle nostre case, sbalzati in un esperimento collettivo senza precedenti, abbiamo fatto definitivamente pace con le tecnologie digitali. Che, anzi, sono state le nostre armi di sopravvivenza. Mentre il silenzio avvolgeva le strade deserte , il mondo online si sovraffollava.

Anche i brand sono stati costretti a gettarsi alle spalle certezze e schemi collaudati, e a ripensare modelli di business compatibili con la nuova realtà.

Quali sono stati i loro comportamenti durante l’emergenza? Abbiamo assistito a diversi approcci, sia dal punto di vista delle azioni concrete che della comunicazione
Denominatore comune: l’obbligo di inventare uno storytelling necessariamente contestualizzato alla nuova realtà. Un’arte, quella di raccontare storie, che il marketing padroneggia da sempre, ma che durante il periodo di lockdown ha conosciuto un vero e proprio boom.

Ne ho raccolti alcuni esempi, tra quelli più pronti a catturare lo spirito del tempo. Vediamoli nella gallery seguente.

Image for post
Image for post
Il turismo è stato il settore economico maggiormente sopraffatto dall’epidemia di Covid-19. Aerei a terra, navi in porto, treni fermi, confini chiusi. Come ha affrontato l’emergenza Airbnb, big player mondiale del settore?
Oltre a iniziative dirette e indirette mirate a garantire sostegno economico agli host, ha attivato una nuova forma di accoglienza. Spostando il business
dall’esperienza fisica a quella da vivere online
Image for post
Image for post
Lo smartworking secondo Banski. Street art indoor.
Image for post
Image for post
Anche Burger King Italia gioca con ironia sul tema del distanziamento fisico. Lo fa presentando il nuovo Whooper con tre strati di cipolla, rimedio “estremo” per tenere a bada chi cerca di avvicinarsi troppo.
Image for post
Image for post
Dove Canada ha lanciato la campagna ‘Courage is beautiful’ attraverso cui dimostra solidarietà ai medici e infermieri impegnati nella cura dei malati di covid-19. L’insight è potente, ricalco perfetto dei valori di brand.
“L’intera faccenda del lavoro da casa”, è il titolo del video Apple, un vero e proprio corto, che mostra un team alle prese con bambini, gatti. colleghi sciroccati e -come sempre- una scadenza imminente. Protagonisti gli Underdogs, già visti in un precedente video del brand, che navigano a vista nella nuova normalità, con molte incognite ma una costante affidabile: i prodotti Apple.
Image for post
Image for post
I cani hanno bisogno di noi. E noi abbiamo bisogno di loro. Con un sottile lavoro sugli archetipi, Pedigree ci ricorda che il servizio di adozione non si ferma, nonostante tutte le difficoltà legate alla situazione attuale. Anzi, grazie alla piattaforma Zoom è possibile evadere tutte le pratiche burocratiche senza uscire di casa.
Branding e responsabilità sociale. Playboy ci ricorda tutte le regole da rispettare durante l’emergenza e lo fa a modo suo, rischiando quella malizia che può permettersi solo chi ha classe in abbondanza.
Fin da subito, per favorire la permanenza in casa delle persone, PornHub aveva reso gratuito l’accesso ai servizi a pagamento Premium. Poi ha lanciato la campagna Cleanest Porn Ever, chiedendo ai performer di tutto il mondo di interpretare -a modo loro- le raccomandazioni in fatto di igiene contro il Covid-19.
Image for post
Image for post
Infine, ha dato vita anche al portale-parodia ScrubHub, dove i video caricati ritraggono persone intente a lavarsi semplicemente le mani e a seguire le più scrupolose norme igieniche. I video rispecchiano -ovviamente- tutte le categorie presenti sul portale ufficiale. Fuoriclasse.
A causa della pandemia, la band Thao & The Get Down Stay Down di Oakland ha dovuto annullare il progetto di girare il video musicale per il nuovo singolo “Phenom”. Finchè qualcuno ha proposto “E se lo facessimo da casa?”. Ed è esattamente quello che è successo: un video musicale girato dai protagonisti interamente in remoto. La front woman Thao Nguyen e il suo team creativo hanno utilizzato il rigido formato a griglia da teleconferenza dell’app Zoom per realizzare l’impensabile: una coreografia fluida di sorprendente inventiva e potere visivo.
Heineken Connections racconta con ironia due frame diventato immediatamente familiari a milioni di persone: le difficoltà di connessione delle videochiamate e la birra con gli amici in modalità “remote”.
In un mondo confinato tra le mura domestiche, un brand come Ikea gioca -è il caso di dirlo- “in casa”. Guardate quante storie riescono a far entrare in 59 secondi di video. Magistrali.
Image for post
Image for post
In tre stories , ecco la storia del logo Hyundai e la sua attualizzazione ai tempi del social distancing.
Image for post
Image for post
Modificando il proprio logo, alcuni Love Brand hanno creato Key visual d’impatto per sensibilizzare le persone e allo stesso tempo rinforzare la brand awareness.
Image for post
Image for post
Lonely and Lovely. Viaggiare in poltrona: 500 film, libri, musiche che ci portano in giro per il mondo senza muoversi da casa. Un nuovo “prodotto” totalmente in linea con le esigenze del momento. Da Lonely Planet.
Un’idea nata quasi per scherzo a Kansas City, tra Nelson Atkins Museum of Art e il locale zoo, entrambi chiusi per pandemia. Il video dei tre pinguini di Humboldt a spasso tra i Monet e i Caravaggio è diventato uno spasso virale da più di un milione di visualizzazioni.
Image for post
Image for post
Netflix Homemade. Una collezione di corti doc. Realizzati da registi internazionali durante la quarantena. Racconti in formato mini, girati in casa, senza cast né troupe. Solo creatività.
Image for post
Image for post
Un video che non si dimentica. Concept in perfetto stile Nike. Copy essenziale e pulito. Dritto a destinazione.
L’idea grandiosa di No Frills, una catena canadese di negozi alimentari discount: un pezzo electro-rap a presa rapida e un video folle per ricordare le regole del distanziamento fisico.
Image for post
Image for post
Immagini, foto stock HD e grafica vettoriale. Gratis da Shutterstock. Un modo semplice e concreto per dimostrare vicinanza alle persone.
Image for post
Image for post
A maggio, il New York Times ha dedicato la prima pagina alle 100.000 vittime causate dal COVID-19.
Non sono semplici nomi in una lista. Loro erano noi”. Poi ha creato una landing page, in cui ai nomi accosta un brevissimo epitaffio, come in una moderna Spoon River. Un’iniziativa di straordinaria efficacia per sensibilizzare sul tema, sottovalutato dall’autorità federale.
Image for post
Image for post
Filma la tua “Vita in un giorno”. Il sequel di Life in a Day, di Ridley Scott, metterà insieme centinaia di video girati da utenti di tutto il mondo. Tutti possono partecipare. Il brief di YouTube: un video che racconti la propria giornata rispondendo a 4 domande: Che cosa ti sta a cuore? Di che cosa hai paura? Che cosa vorresti cambiare, nel mondo o nella tua vita? Che cos’hai in tasca?

Quali conclusioni possiamo trarre alla fine della nostra carrellata? Cosa ci suggeriscono le azioni di comunicazione intraprese dai brand durante uno dei periodi più difficili della nostra storia?

Prendo in prestito uno scambio telegrafico di battute tratte dal romanzo svedese “Il medico di corte”. La regina ha deciso di imparare a cavalcare. Monta in sella, e chiede al maestro di equitazione come comportarsi. “Prima regola, prudenza”, risponde lui, “Seconda, audacia”.

Triplesense Reply

Design / Creativity / Design / Tech

Medium is an open platform where 170 million readers come to find insightful and dynamic thinking. Here, expert and undiscovered voices alike dive into the heart of any topic and bring new ideas to the surface. Learn more

Follow the writers, publications, and topics that matter to you, and you’ll see them on your homepage and in your inbox. Explore

If you have a story to tell, knowledge to share, or a perspective to offer — welcome home. It’s easy and free to post your thinking on any topic. Write on Medium

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store