La Morte e il gatto.

Il gatto imboccò il sentiero di ghiaia, oltrepassò il cancello che divideva il caseggiato dalla strada e svoltò a sinistra, proseguendo sicuro in discesa
lungo la statale. Passò davanti ai sette alberi di melo sfigati,
quelli che producevano dei frutti così minuscoli che si potevano usare solo come zucche nel Presepe. Dopo aver trotterellato per cinquecento metri buoni alla velocità di crociera di un vecchio che si avvicina a una pera cotta, giunse infine al cimitero.
Ad aspettare il gatto nel cimitero c’era la Morte.

Matisse è il gatto adottato da Claudia, ingegnere informatico che fa la cassiera al supermercato, e Roberto, impiegato con la passione per il divano di casa. Il fortunato felino è il re indiscusso della casa, almeno fino al giorno in cui fa la sua apparizione una culla con un piccolo umano dentro, pronto a usurpargli il trono.

Improvvisamente il piccolo umano si ammala, proprio quando Matisse inizia a frequentare il cimitero e a fare amicizia con la Morte…
Il Triste Mietitore spiega al gatto il senso della vita a suon di freddure, parabole sui generis e lezioni di arte e letteratura, mentre i suoi padroni si destreggiano tra colleghi ammorbanti e strane tipologie di clienti in fila alla cassa, in una favola nera che vi farà ghignare.

In libreria e come ebook nei principali store online.

Scheda libro:

http://www.imprimatureditore.it/index.php/2017/11/13/la-morte-e-il-gatto/

Cordialità,

Il Triste Mietitore

Like what you read? Give Il Triste Mietitore a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.