Title

Da Garzanti:

WEB (World Wide Web): Tutte le risorse di Internet che possono essere raggiunte con il protocollo HTTP (Hypertext Transport Protocol). Sempre dopo il nome proprio del web, relativo al web: sito web; pagine web.

Etimologia: ← loc. ingl. d’america; propr. ‘rete (web) dell’intero (wide) mondo (world)’.

EBETE: Chi è ottuso di mente; idiota, imbecille, sciocco: uno sguardo, un sorriso (da) ebete.

Etimologia: ← dal lat. hebĕte(m) ‘spuntato, ottuso’, quindi ‘sciocco’.

WEBETE: Web + Ebete.

Se l’Accademia della Crusca vuole mantenere una parvenza di serietà dopo aver ufficializzato la parola “petaloso”, non può che fare altrettanto — e con pompa magna — con il neologismo coniato da Enrico Mentana: “webete”.

La genesi di questo capolavoro nasce dal commento a questo utente:

Title

E’ semplicemente perfetta. Unisce il vecchio con il nuovo per offendere, con classe e garbo, i cretini che si sentono in dovere di esprimersi sui social. Umberto Eco approverebbe, dopotutto è stato lui ad affermare che “I social danno diritto di parola a legioni di imbecilli”: già per queste parole è stato acclamato, avesse usato webeti al posto di imbecilli sarebbe stato portato in trionfo dalla folla.

Webete è una parola fantastica e non deve essere scambiata per un sinonimo di Utonto: l’utonto semplicemente non sa usare la rete, non conosce bene i programmi ed il linguaggio dei social. Se commette qualche sbaglio — il classico, scrivete tutto maiuscolo che equivale ad urlare — non lo fa apposta. Il webete invece sa usare bene il mezzo internet, non è quello il suo problema. Quello semplicemente risiede nel suo filtro delle informazioni: mentre nelle persone normali dovrebbe risiedere nel cervello, lui ce l’ha nella pancia. E siccome questa parte è abituata a produrre escrementi, il risultato è prevedibile: esce solo merda razzista, illogica e non verificata. Perfetta per gente che non ha un’opinione e ne cerca una già pronta da sposare, facile da capire per chi non è solito usare il cervello.

Con le litanie che abbiamo sentito in questi giorni di immigrati che prendono 35 euro al giorno e dormono in alberghi a 5 stelle mentre i terremotati sono costretti in tende, webete era proprio la parola che ci serviva.

Cordialità,

Il Triste Mietitore