Cannabis terapeutica, luce verde alla Camera

Con 317 voti favorevoli, Montecitorio approva il progetto di legge

Il testo licenziato dalla Camera adesso passa a Palazzo Madama. Nell’infografica le principali novità riguardanti l’uso medico della marijuana, che diventeranno effettive se approvate senza modifiche al Senato.

Copyright LaPresse

Durante la lunga discussione parlamentare, la proposta di legge ha subito importanti modifiche, tanto da spingere il deputato di Sinistra italiana, Daniele Farina, a dimettersi dal ruolo di relatore. Qui sotto la spiegazione di come è cambiata la proposta negli ultimi mesi.

Secondo le stime, lo scorso anno negli Stati Uniti l’industria della cannabis ha fatturato 6,7 miliardi di dollari, creando 100mila posti di lavoro regolare. Qui trovi le infografiche con i Paesi in cui la marijuana è legale, per scopi terapeutici e ricreativi.

In Italia sono circa 6 milioni le persone che fanno o hanno fatto uso di marijuana. La Coalizione italiana per le libertà e i diritti civili ha stilato un vademecum per i consumatori, che riassumono in 20 domande-risposte i nodi centrali dell’attuale normativa sulle droghe leggere.

In realtà, in commercio esiste già una versione “light” della cannabis. Si chiama Easyjoint e ha un bassissimo contenuto di Thc, al di sotto dei limiti di legge. L’omonima azienda italiana ha aperto i battenti in Italia da alcuni mesi e per ora il business va a gonfie vele. Easyjoint specifica comunque che il suo prodotto non è medicinale, anche se chi l’ha provato conferma che ha un effetto rilassante.