Cosa succede nel Regno Unito con un parlamento appeso

Aggiornato alle ore 8:20 del 9 giugno

Nuova elezione, nuova sorpresa. Dopo il referendum sulla Brexit e l’elezione di Donald Trump, le elezioni politiche in Gran Bretagna stravolgono nuovamente gli equilibri. I conservatori, il partito della premier Theresa May, non hanno più la maggioranza assoluta dei seggi (326). E abbiamo così il cosiddetto hung parliament, il “parlamento appeso”.

Getty Images — Copyright

Cosa succede nel Regno Unito con un ‘parlamento appeso’

Theresa May fallisce la scommessa. Con le elezioni politiche anticipate i laburisti guadagnano 31 seggi rispetto alle votazioni precedenti, arrivando a un totale di 261. Ai conservatori, invece, 315 (-12).

Nel Regno Unito per avere la maggioranza un partito deve assicurarsi 326 seggi. Se nessuna forza raggiunge questa cifra, si ha il cosiddetto hung parliament, un ‘parlamento appeso’.

Cos’è il parlamento appeso?

Questa particolare situazione si presenta quando nessuno dei partiti raggiunge il numero necessario di seggi per avere la maggioranza nella Camera dei Comuni.

Dal 1929, sono state soltanto due le elezioni che hanno portato al parlamento appeso: nel 1974 e nel 2010.

Cosa succederà ora?

Questi i due scenari possibili:

1) I leader dei partiti inizieranno le consultazioni per creare una coalizione di governo, come accaduto tra i Tory e i Liberal democratici nel 2010 col ticket Cameron-Clegg

2) Uno dei leader dei due partiti che hanno guadagnato più seggi decide di procedere comunque con un governo di minoranza. In questo caso, il nuovo primo ministro dovrà cercare l’appoggio dei partiti più piccoli per far passare le leggi.

Chi sarà primo ministro con il parlamento appeso?

La prima scelta sarebbe ancora lei, Theresa May. La leader dei Tory sarà al comando finché non sarà formato un nuovo governo.

Secondo le regole, May avrà la possibilità di formare il governo entro il 13 giugno, data fissata per il prossimo incontro del parlamento.

Cosa succederà se May invece decide di lasciare

May, che ha voluto le elezioni anticipate lo scorso aprile col deliberato scopo di perseguire una maggioranza parlamentare più ampia, potrebbe dimettersi. Se così fosse, Jeremy Corbyn in qualità di secondo classificato sarebbe il primo della lista a dover cercare di formare un governo.

Che tipo di governo ci sarà a questo punto? Uno di coalizione?

Non necessariamente. Nel sistema parlamentare britannico, l’unico modo possibile per verificare se un governo può essere formato è una votazione alla Camera dei Comuni.