Portable Lab User Testing (Parte 2)

Come testare il prodotto con utenti reali, attraverso un metodo efficace e semplice da attuare

Giulio Andreini
Nov 12, 2019 · 7 min read
Illustrazione di Michele Zamparo

8. Inizia il test!

Iniziate dando il benvenuto all’utente e ringraziandolo per la partecipazione. Fatelo sedere sulla sedia di fronte al computer e sedetevi di fianco.

Presentate il prodotto che state testando fornendo informazioni molto basilari e senza andare troppo nel dettaglio dato che lo scopo è vedere come l’utente interagisce con un prodotto che non conosce. Se state testando un prototipo, chiarite all’utente che non sta utilizzando un prodotto reale, che i contenuti sono dimostrativi e che alcune sezioni non sono accessibili.

Spiegate all’utente che non state esaminando le sue capacità, che non ci sono risposte giuste o sbagliate e non è possibile fare errori: state testando il prodotto. Create un’atmosfera rilassata e fate in modo che l’utente si diverta, siate empatici! Chiedete di adottare il protocollo think aloud, di essere sinceri e di non preoccuparsi di offendere nessuno. Spiegate che il test è organizzato in task che chiederete di completare. Dato che la sessione sarà registrata, chiedete all’utente di firmare un permesso scritto che potete preparare partendo dal template messo a disposizione da Steve Krug qui.

Aprite sul browser la prima pagina da dove iniziare il test, solitamente la homepage del sito o la prima pagina del prototipo Invision. Avviate la registrazione dello schermo e lasciate il controllo del computer all’utente. Inizia il test!

A seconda del progetto, può essere utile chiedere una prima impressione generale: chiedete di descrivere cosa vede nella homepage, scorrendola ma senza cliccare. Non c’è bisogno di prendere appunti, tutto quello che succede viene registrato e lo analizzerete successivamente.

Iniziate ad assegnare i task descrivendoli in modo chiaro: partite dal primo e date all’utente abbastanza tempo per completarlo. Spesso vi chiederà conferma che quello che sta facendo è giusto: siate gentili e rispondete che non potete dare aiuto per non influenzare il test. L’utente potrebbe bloccarsi e non riuscire a procedere, incoraggiatelo e lasciategli il tempo necessario per provare ad andare avanti. Seguite il documento di linee guida e sottoponetegli tutti i task previsti.

Dopo l’ultimo task chiedete all’utente i suoi commenti finali, impressioni generali di utilizzo e suggerimenti su come migliorare l’esperienza d’uso del prodotto. Questa parte finale del test è molto importante perché si ottengono suggerimenti di dettaglio sulla user experience ma anche impressioni generali e di alto livello sull’utilità del prodotto e su come l’utente lo potrebbe utilizzare.

Finito il test, ringraziate l’utente, salvate lo screencast e preparatevi per il prossimo.

9. Analisi e presentazione dei risultati

Dopo aver terminato l’ultimo test della sessione è il momento di passare all’analisi dei risultati: questa fase è essenziale per dare un senso a quello che è stato fatto finora e ottenere una lista di to-do e di attività da pianificare per migliorare il prodotto.

Per la review dei test potete utilizzare il documento Google Spreadsheet User Testing Analysis — Template. Iniziate la revisione degli screen recording. Screenflow vi permette di evidenziare i click del mouse, attivando la funzionalità “Screen Recording > Click effect > Radar”. Questo è molto utile per capire in quali momenti l’utente ha avuto difficoltà a portare a termine un task cliccando su pulsanti o link sbagliati.

Se avete chiesto agli utenti le loro impressioni generali sulla prima pagina, inseritele nella colonna “Intro”. Quindi, per ciascun task, segnate se è stato completato (colonna “YES/NO”) e aggiungete ogni commento rilevante che potrà essere utile per la review finale nella colonna “comment” corrispondente. Inserite i commenti finali e i suggerimenti che avete chiesto dopo l’ultimo task nella colonna “Outro”: cercate di essere sintetici e di indicare solo gli aspetti utili alla revisione finale. La riga “Result %” vi fornirà il risultato quantitativo di ciascun task.

Spostatevi quindi nella riga “Recap” e, per ciascuna colonna, ricapitolate i commenti presenti nelle celle sovrastanti (per le colonne dei task tenete in considerazione anche la percentuale di completamento): siate sintetici e provate a evidenziare i problemi di usabilità e di user experience che sono emersi. In generale, i task con una percentuale di completamento alta (100%) avranno pochi commenti nella colonna recap, mentre ne avrete di più per task con completamento più basso.

Infine spostatevi nella riga “Actions” e “traducete” i contenuti della riga “Recap” in una lista di to-do: attività e ottimizzazioni da apportare al prodotto per migliorarne la user experience. Come per la riga “Recap”, aspettatevi di avere poche o nessuna cosa da fare per i task con una percentuale di completamento alta (100%) e invece una lunga lista per task con percentuale più bassa.

L’inserimento dei dati in Google Spreadsheet è un passaggio indispensabile per processare quello che è stato registrato durante i test, ma condividere uno spreadsheet non sarebbe il modo migliore per presentare i risultati a tutte le parti interessate al progetto. Vediamo quindi come preparare una presentazione usando il template User Testing Report su Google Slides.

Inserite il nome del progetto/prodotto e la data nella prima slide. Quindi per ciascun task preparare due slide: nella prima inserirete i commenti più rilevanti che potete copiare dalla riga “Recap” del task corrispondente nel Google Spreadsheet. Nella seconda slide inserirete invece le liste di to-do che trovate dalla riga “Actions”. In entrambe le slide inserite il numero di task, la descrizione e la percentuale di completamento (utilizzando colori diversi a seconda della percentuale).

Nella sezione General highlights inserite i commenti generali che potete prendere dalla riga “Recap” delle colonne “Intro” e “Outro” del Google Spreadsheet. Nella slide Actions to be taken inserite la lista di to-do che trovate nelle colonne “Intro” e “Outro”.

Dopo che avete completato l’ultima slide, la presentazione è pronta! Potete anche montare un breve video con i momenti più salienti dei vari user testing da mostrare prima della presentazione, in modo da coinvolgere maggiormente i partecipanti e far capire come si è svolto il test.

A questo punto non rimane che organizzare un incontro per presentare i risultati ottenuti a tutte le parti interessate. Se necessario, dividete il meeting in due o più sessioni coinvolgendo gruppi diversi di persone. I risultati possono rivelare aspetti nuovi e fornire suggerimenti molto utili: per questo è consigliabile condividerli con un pubblico più ampio possibile (inclusi amministratore delegato, marketing, sviluppatori). Seguite la presentazione Google Slides e (se lo avete preparato) iniziate con il video.

Alla fine della presentazione, pianificate un brief per discutere quanto emerso dallo user testing. I partecipanti potrebbero avere dubbi su quello che avete appena presentato: spiegate chiaramente la metodologia e il suo scopo dato che per alcuni potrebbe essere la prima volta che sentono parlare di user testing. Decidete insieme come sfruttare i risultati per migliorare la user experience, definite i prossimi passi, assegnate task e pianificate il lavoro per le prossime settimane con una roadmap.

10. Al lavoro!

Vi ricordate perché avevate scelto di adottare lo user testing? Per ottenere dati qualitativi utili a migliorare l’esperienza degli utenti. Bene, avete fatto un ottimo lavoro, avete condotto i test e avete una lista di task e una roadmap. Adesso è il momento di rimboccarsi le maniche e di tornare alla progettazione e al design per portare la UX del prodotto al livello successivo 🚀!

BONUS. Portable Lab User Testing su mobile

La metodologia Portable Lab si adatta molto bene anche a device mobile. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Utilizzate un’App per la registrazione dello schermo e dell’audio (proveniente dal microfono) dello smartphone. Ne esistono diversi che potete trovare su App Store e Play Store. Io, su Android, utilizzo DU Recorder; Android ha anche il recorder nativo ma ha un pannello di controllo molto ingombrante che rimane visibile sull’interfaccia e l’utente potrebbe cliccarci mentre fate il test o pensare che fa parte del prodotto.
  • Quando fate la review dei video può essere utile vedere come l’utente ha interagito con lo schermo. Su Android dovete attivare le “Opzioni sviluppatore” e nella sezione “INPUT” attivate “Mostra tocchi”: le aree di contatto tra le dita e lo schermo saranno evidenziate con cerchietti visibili anche nella registrazione.
  • Cercate di disattivare le notifiche del device che potrebbero distrarre l’utente che sta facendo il test. Spesso è sufficiente impostare lo smartphone in modalità “Non disturbare”.

Condurre test su smartphone rende la metodologia ancora più portatile e più facile da implementare quindi, considerato che quasi tutti i siti internet e le applicazioni hanno la versione mobile, non ci sono più scuse per non fare user testing. È arrivato il momento di uscire dall’ufficio e andare a parlare con gli utenti!


Storie di design, esseri umani e interazioni.

Sharing is caring:

Se hai trovato questo articolo interessante, lasciaci qualche applauso 👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏 e condividilo con qualcuno! 😊

UX Tales è una pubblicazione aperta: se vuoi proporre un tuo articolo, scrivici su Twitter o su Facebook

UX Tales

Storie di design, esseri umani e interazioni.

Giulio Andreini

Written by

User experience designer at Net7 (www.netseven.it), co-founder of Surfy Nomads (www.surfynomads.com)

UX Tales

UX Tales

Storie di design, esseri umani e interazioni.

Welcome to a place where words matter. On Medium, smart voices and original ideas take center stage - with no ads in sight. Watch
Follow all the topics you care about, and we’ll deliver the best stories for you to your homepage and inbox. Explore
Get unlimited access to the best stories on Medium — and support writers while you’re at it. Just $5/month. Upgrade