A Monticchiello l’ANPI porta la “Primavera della Costituzione”

Pienza — Dal 1 al 3 Giugno a Monticchiello (Pienza) arriva prima festa della Costituzione, in occasione del 70° anniversario dall’entrata in vigore della Carta. Un ricco cartellone fatto di convegni, musica e parole, che può essere consultato sul sito: www.teatropovero.it Tra gli ospiti Giovanni Maria Flick, Carlo Smuraglia, Silvia Calamandrei, Walter Veltroni, Alberto Asor Rosa, Emanuele Fiano e i vertici nazionali di ARCI e Libera. Tra gli artisti: Max Collini e il pianista Giovanni Guidi.

Settant’anni fa, nel 1948, la Carta fondativa della nostra Repubblica iniziava il suo lungo cammino dopo aver raccolto, per essere elaborata, il meglio della riflessione politica ed etica del Paese. Nata dallo spirito della Resistenza, dalla passione sociale cresciuta nella lotta contro i regimi nazi-fascisti, la Costituzione è un testo di altissima levatura giuridica e civile, ancora oggi in grado di legare la comunità nazionale in un condiviso panorama di valori, di diritti e doveri. Amata dagli italiani, talvolta persino più di quanto conosciuta, la Carta offre continue possibilità di riflessione, arricchimento, approfondimento. Ed è per questo che i circoli ANPI della Valdichiana e Val d’Orcia, con il sostegno di tutti i livelli superiori dell’associazione, hanno deciso di dedicarle una festa di tre giorni, con un ricco programma che prevede incontri e dibattiti, concerti, spettacoli teatrali, cinema; il tutto reso possibile dalla sinergia con le istituzioni, le amministrazioni e tanta parte della società civile del territorio. Nei giorni della festa sarà poi possibile mangiare alla Taverna di Bronzone del Teatro Povero di Monticchiello, uno dei partner dell’evento, aperta per l’occasione sia a pranzo che a cena.

Tra gli eventi più attesi, i due dibattiti in piazza nel pomeriggio del sabato e della domenica: nel primo saranno Giovanni Maria Flick, Alberto Asor Rosa e Silvia Calamandrei a discutere sul tema “le parole della Costituzione, coordinati da Pietro Clemente; nel secondo, dedicato a “il futuro della memoria”, parteciperanno Carlo Smuraglia (Presidente emerito ANPI nazionale), Francesca Chiavacci (Presidente Nazionale ARCI), Giuseppe Teri (Vice-Presidente Nazionale dell’Associazione antimafia Antonino Caponnetto), coordinati da Daniele Biacchessi, presidente di Arci Ponti di Memoria, l’associazione che tra i partner organizzativi ha contribuito di più alla definizione del programma. Nella serata di sabato verrà proiettato anche il film di Walter Veltroni, Tutto davanti a questi occhi, cui seguirà un dibattito alla presenza dell’autore e di Piero Terracina, sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz, coordinato da Lamberto Piperno della Comunità Ebraica di Siena.

Tra gli appuntamenti della mattina, si è scelto di concentrarsi sul tema dell’antifascismo: il sabato con Neofascimo, la galassia nera”, cui prenderanno parte Saverio Ferrari (Osservatorio democratico nuove destre), l’avvocato Marco Sommariva, Giovanni Baldini (che ha curato per la rivista dell’ANPI la ricerca sul tema “la galassia nera”); la domenica mattina sarà invece dedicata al tema “la Repubblica si difende: azioni e delibere antifasciste dei Comuni e delle istituzioni”, con Emanuele Fiano (relatore del DDL contro l’apologia del fascismo), Matteo Biffoni dell’ANCI Toscana, Paolo Limonta e Fabrizio Cracolici che racconteranno esperienze lombarde, sotto il coordinamento di Silvia Folchi, presidente provinciale dell’ANPI Siena. A seguire anche la presentazione di un progetto rivolto ad associazioni, forze sociali, istituzioni e amministrazioni pubbliche per un laboratorio che punti a una carta dei valori e delle buone pratiche antifasciste e resistenti: la Carta di Monticchiello.

Numerosi anche gli eventi artistici, tra cui si segnalano gli spettacoli di apertura di Daniele Biacchessi con “Orazione civile per la Costituzione; e di Max Collini, già autore dei testi e performer del gruppo Offlaga Disco Pax, impegnato il venerdì sera nelrecital Dagli Appennini alle Ande. Il sabato invece sarà Tiziana Di Masi a portare in scena uno spettacolo di teatro civile dal titolo Le buone pratiche della Costituzione: #IOSIAMO. Concerto di chiusura, infine, dedicato al jazz, con ospiti di caratura nazionale: il pianista Giovanni Guidi e il trombettista Mirco Rubegni, in “La libertà è come l’aria.

Nel corso dei tre giorni saranno presentati anche libri, tra cui quello su “Antifascismo e non violenza” dell’autrice Laura Tussi e “Giovanni Pesce” di Fabrizio Cracolici. La festa si inserisce in un panorama provinciale che vedrà quest’anno una sorta di ideale staffetta con il Festival resistente di Montemaggio, che dall’8 al 9 giugno si svolgerà in Val d’Elsa attorno alla base partigiana di Casa Giubileo.

Per informazioni sul programma della Festa di Monticchiello, adesioni, pernottamenti in convenzione etc, i contatti sono i seguenti: su Facebook, la PaginaANPI Valdichiana; via email: anpivaldichiana@outlook.com . Per contatti telefonici: ufficio turistico del Teatro Povero di Monticchiello, 0578 755118, tutti i giorni (lunedì pomeriggio escluso) dalle 9 alle 12:30 e dalle 15 alle 18. Informazioni anche sul sito: www.teatropovero.it .

A collaborare all’iniziativa sono state chiamate molte istituzioni, associazioni e protagonisti della vita sociale: da Libera all’ARCI, da Legambiente alla CGIL, con il contributo anche del vasto panorama dell’associazionismo locale. Tra i partner di rilievo si segnalano e si ringraziona anche l’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese che, con tutte le amministrazioni comunali aderenti, ha dato un importante contributo all’organizzazione; il Teatro Povero di Monticchiello per il sostegno tecnico, organizzativo e logistico; i Comuni di Pienza e di Castiglione d’Orcia; la Provincia di Siena.