‘Farmer 4.0’ forma i futuri tecnici agrari

Un nuovo percorso biennale, promosso da Its E.A.T. all’Istituto Vegni, per rinnovare, modernizzare e mantenere all’avanguardia il settore agrario e agroalimentare locale

Cortona- L’obiettivo del percorso biennale di alta specializzazione “Farmer 4.0” che, indirizzato a ragazzi e ragazze diplomati provenienti da qualsiasi istituto superiore, sta per prendere il via a Cortona promosso dall’Istituto Tecnico Superiore — Eccellenza Agroalimentare Toscana (ITS E.A.T.), una scuola speciale di tecnologia istituita e riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

L’iter formativo, strutturato attraverso 2000 ore di lezione (di cui 800 di stage in aziende italiane ed estere), si concluderà con il conseguimento del diploma di tecnico superiore responsabile delle produzioni e delle trasformazioni agrarie, agroalimentari e agroindustriali, favorendo un immediato inserimento dei giovani in imprese, consorzi, laboratori ed enti di ricerca.

“Farmer 4.0” inizierà lunedì 30 ottobre. L’istituto Vegni è la scuola cortonese, nata nel 1886 con i primi corsi di agricoltura, è oggi un punto di riferimento per la formazione nel settore agrario ed è tra i soci fondatori di ITS E.A.T., di cui ha riconosciuto le potenzialità per fornire agli allievi concrete opportunità di lavoro.

“Farmer 4.0” farà affidamento sulla collaborazione di aziende come Bonifiche Ferraresi, una tra le maggiori realtà agrarie italiane che ha recentemente investito in Valdichiana e che garantirà la qualità dell’esperienza formativa con l’intenzione di offrire un futuro occupazionale ai giovani più meritevoli. La formazione di tecnici superiori, infatti, porterà benefici concreti per migliorare la competitività delle stesse aziende aretine e italiane, dal momento che renderà possibile l’applicazione delle tecnologie maggiormente all’avanguardia nel settore dell’agricoltura di precisione per incrementare la produttività, la qualità degli alimenti e la sicurezza.

«Il percorso “Farmer 4.0— spiega Salvatrice Delaimo, dirigente scolastico del Vegni-Capezzine, — permetterà ai diplomati di acquisire una specializzazione tecnico-scientifica nell’ambito dell’agricoltura di precisione, che consentirà loro di aspirare ad un’occupazione altamente qualificata ed innovativa, fornendo la possibilità di migliorare la loro posizione professionale».

Il percorso biennale permetterà ai giovani di portare un decisivo contributo alle nuove sfide di un settore in forte espansione come quello del cibo di qualità.