Sarteano piange Dino Faleri, ultimo partigiano della Brigata Simar

Sarteano perde l’ultimo partigiano della Brigata Simar. Dino Faleri, ultranovantenne, si è spento ieri dopo una vita dedicata all’impegno civile e democratico

Sarteano-All’indomani dell’armistizio del 1943, neppure ventenne, Dino Faleri decise di darsi alla macchia contribuendo a costituire la brigata partigiana Simar, dal nome del comandante Silvio Marenco. Attiva sul Monte Cetona con base a Fontevetriana, ben presto la formazione diventò un punto di riferimento per la popolazione locale e per gli Alleati che faticosamente cercavano di liberare la zona dall’occupazione nazi-fascista.

“Senza indugi o ripensamenti — dice Francesco Landi, sindaco di Sarteano — Dino Faleri comprese che la Resistenza e la lotta di Liberazione erano l’unico strumento per riportare in Italia democrazia e pace. Senza pensare alle difficoltà di vivere in montagna con l’inverno alle porte e i nemici in casa scelse di schierarsi dalla parte giusta della Storia. Impegnato fino all’ultimo a coltivare la memoria di quei tristi eventi — continua Landi — era sempre pronto a incontrare i giovani delle scuole per far capire che la guerra non ha niente di eroico. Per chiunque si avvicinasse a ricoprire un incarico pubblico, Dino per ciò che aveva vissuto e quello che rappresentava, rimaneva un esempio cristallino da seguire. Ricordo ancora con piacere che nel 2012, prima di candidarmi a sindaco, facemmo la prima riunione pubblica invitando i ragazzi di Sarteano per parlare del futuro del nostro Comune, e chiesi a Dino di stare con noi, per trasmetterci il suo grande entusiasmo per la democrazia, l’impegno civico e la libertà”.

Forse proprio per avere sofferto la dittatura, nel dopoguerra Dino Faleri ha partecipato attivamente alla vita politica e associativa di Sarteano. Prima consigliere comunale e poi assessore, è stato membro attivo nel mondo delle associazioni di volontariato, così come delle contrade. “Storico” presidente della locale sezione Anpi di Sarteano, ha scritto testi sulla Resistenza, ed è stato un personaggio di riferimento per chiunque si volesse avvicinare al tema della lotta di Liberazione.

Forse proprio per avere sofferto la dittatura, nel dopoguerra Dino Faleri ha partecipato attivamente alla vita politica e associativa di Sarteano. Prima consigliere comunale e poi assessore, è stato membro attivo nel mondo delle associazioni di volontariato, così come delle contrade. “Storico” presidente della locale sezione Anpi di Sarteano, ha scritto testi sulla Resistenza, ed è stato un personaggio di riferimento per chiunque si volesse avvicinare al tema della lotta di Liberazione.

“Con Dino — conclude Landi — se ne va una parte importante della nostra comunità. Sono sicuro che i suoi insegnamenti non andranno persi ma rimarranno nelle nostre teste e nei nostri cuori”. I funerali si svolgeranno nella chiesa di San Francesco in Piazza Bargagli, a Sarteano.