Immagine di repertorio

Uniti contro il femminicidio in ricordo di Antoneta Balan

Fiaccolata in ricordo di Antoneta Balan, la donna rumena uccisa lo scorso luglio dal suo ex convivente. L’appuntamento dal titolo ‘Riconoscere la violenza per fermarla’ è anche un’occasione per riflettere sugli effetti delle violenza di genere

Montepulciano — Il Centro Antiviolenza Amica Donna Onlus, in collaborazione con l’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese, venerdì 13 ottobre alle ore 21 in Piazza Sant’Agnese a Montepulciano, organizza una fiaccolata per ricordare Antoneta Balan, la donna rumena di 42 anni barbaramente uccisa lo scorso 13 luglio a Montepulciano dal suo ex convivente.

La fiaccolata non sarà solo occasione per ricordare Antoneta Balan, ma sarà anche un momento per riflettere, attraverso interventi, letture interpretate da Anna Iannunzio, Giovanna Vivarelli e Stefano Bernardini, e musica, sulla violenza di genere, sul fenomeno del femminicidio e sui maltrattamenti che sempre più spesso avvengono tra le mura domestiche, per cercare di comprenderli, reagire e tenere alta l’attenzione anche a livello locale.

Il presidio nasce dalla volontà di aiutare le donne e le loro figlie e figli perché siano credute ed ascoltate quando rivelano una violenza subita, perché gli uomini che uccidono siano fermati e indirizzati presso i centri per uomini che agiscono contro questo atteggiamento e per far sì che la violenza non sia più il destino di molte donne, e dei minori che assistono.

“Chiediamo a tutti di partecipare a questo appuntamento perché, oltre a ricordare chi dalla violenza non ha avuto una via di uscita, è importante tenere alta l’attenzione sul problema della violenza di genere. Quando si verifica un fatto di violenza, a risentirne non è solo la famiglia della vittima o della persona coinvolta, ma è tutta la comunità e per questo dobbiamo dire ‘basta’ a quanto stiamo vivendo.” — è il commento degli organizzatori.

L’invito alla partecipazione è rivolto a tutti con l’obiettivo di unirsi per urlare, con dolore e rabbia, la scomparsa di Antoneta, per non dimenticare, per riconoscere la violenza e fermarla.

Il Centro Antiviolenza Amica Donna ci tiene a ringraziare tutte le associazione che hanno aderito all’iniziativa: D.i.Re Donne in Rete contro la violenza, Aurore, Tosca Coordinamento dei centri antiviolenza della Regione Toscana, AUSER S.Albino, AUSER Montepulciano, Circolo Auser Il Crivello, Misericordia di Montepulciano, AVIS Montepulciano, ADMO di Montepulciano, ASD Taekwondo Team Montepulciano, ANPI Valdichiana, Collettivo Piranha Acquaviva di Montepulciano, i sindacati Cgil di Siena Valdichiana e lo Cgil SPI di Siena Valdichiana, Associazione AlterNativa, Lega Ambiente, Diocesi Montepulciano-Chiusi-Pienza, Istituto di Musica Henze, il Magistrato delle Contrade di Montepulciano e tutte le Contrade.