Orgogliosi de che?!? — Gay Pride for Dummies

Ve lo dico subito, scrivo questa nota per portarmi avanti e risparmiare tempo: come ogni anno è arrivato il periodo dei gay Pride (quello della mia città, Roma, è l’undici giugno), e come ogni anno me devo sorbi’ la solita storia dal Facebook Friend omosessuale di turno:

“Io al Pride non ci vado perché sono tutti in perizoma e boa di struzzo e io così non mi ci sento. E poi una carnevalata come il Pride non aiuta gli omosessuali perché i diritti non li avremo mai se ci mostriamo così.” 
(Chiameremo l’ipotetico autore del commento Luigino così posso rivolgermi a lui e voi vi rompete di meno a leggere).

Caro Luigino, te lo dico col cuore:

Sei un cojone.

E adesso te spiego perché. Lo faccio anche a punti così se mi vogliono citare nel colonnino dell’orrore su Repubblica.it possono titolare l’articolo “10 motivi perché se non vai al Pride sei un cojone”.

  1. Al Pride non sono tutti vestiti in perizoma e boa di struzzo.

Ma tu, Luigi’, ce sei mai stato a un Pride? La stragrande maggioranza delle persone ci va vestita “normalmente” (virgolette obbligatorie perché, sémo sinceri, certi abbinamenti pantaloncini / camicia a quadrettoni sono indifendibili, con buona pace di chi vorrebbe tutti i gay mancati stilisti).
Se ai TG5 fanno un servizio sul Pride e se vedono sempre le stesse dieci trans mezze scosciate o la coppia gay vestita in pelle nera stile fumetto di Tom of Finland (a cui va tutta la mia stima, dato il caldo) è perché probabilmente c’è un intento politico di mostrare tutta la popolazione LGBT come “eccessiva” (gomblotto!). E anche perché, diciamocelo, una manifestazione di gente in pantaloncini e camicie a quadrettoni da vedere in TV è una noia mortale.
Ma famo pure finta che l’80% di chi manifesta al Pride lo faccia in lustrini e tacchi a spillo:

2. Chi va vestito al Pride in maniera colorata o “eccessiva”* ha tutto il diritto di farlo.

Sì perché Luigi’, te vojo da’ ‘sta dritta, la cosa bella di vivere in uno stato di diritto e non in un fondamentalismo o una dittatura è che esiste questa cosa fantastica chiamata leggi, che stabilisce cosa è permesso o non è permesso fare. Quindi se vestirmi da Jessica Rabbit non contravviene a nessuna legge e me va di farlo, perché no? Oh, pure io manderei al rogo chi se mette le Hogan ma me tengo! Se non te vuoi vesti’ da Sailor Maiala per manifestare al Pride, è semplice: non farlo. Così contribuirai al rendere il Pride più rappresentativo del tuo modo di essere. Sì perché il Pride, che tu ci vada o no, è cosa tua, perché si parla dei tuoi diritti. Non andarci perché non ti identifichi nel modo di essere degli altri è come non andare a votare perché non sopporti che ci sia gente che vota Salvini.

*(Che poi qui si aprirebbe una parentesi grande come l’armadio delle scarpe di Imelda Marcos per stabili’ chi decide cosa è eccessivo e cosa no, ma vabbè… Famo un’altra volta.)

3. Se sei libero di scrivere “mascXmasc” nel tuo profilo Grindr è merito di una trans.

Sapevatelo! Chi ha iniziato i moti di Stonewall del 1969, che hanno portato alla creazione dei movimenti per i diritti delle persone LGBT, e quindi anche alle varie leggi sul matrimonio egualitario o sulle unioni civili, nonché alla celebrazione del Gay Pride, è una donna transessuale, Sylvia Rivera. Se oggi nel nostro paese e in molti altri non rischiamo il carcere in quanto gay, il merito è suo e di tutti quelli che, come lei, ci hanno messo la faccia e hanno lottato perché tutte le diversità (e non solo la loro) fossero riconosciute e accettate.

4. Se partecipare a una “carnevalata” ti mette a disagio, è perché sei omofobo.

Sì, perché non vuoi che la gggente pensi che tu sia una checca. Perché pensi che ci sia un modo giusto e uno sbagliato di essere gay, perché non accetti che tu e un altro gay possiate essere diversissimi nel modo di vestire, parlare, comportarvi, ma avere lo stesso pari dignità e lottare per gli stessi diritti.

5. Se sei barbuto, muscoloso, ti vesti in jeans e canotta e rutti birra guardando le partite in TV, non sei meno frocio degli altri gay.

Al massimo più noioso. E te lo dice uno che è presidente di una squadra di rugby. Sì, caro Luigino, questa è difficile da digeri’, ma te l’assicuro: se domani Adinolfi diventasse imperatore d’Italia, saresti buttato nello stesso lager di chi ascolta a rota la Pausini e indossa sciarpe di pashmina tutto l’anno.

6. Chi ha il coraggio di mostrarsi per come si sente, anche se può attirarsi la riprovazione dei benpensanti, ha molte più palle di te.

Pensa alle persone transgender: quanto è difficile per qualcuno che magari è nato biologicamente uomo ma si sente donna decidere di mostrarsi al mondo per come si sente veramente? Ma tu, Luigino bello, ce l’avresti ‘sto coraggio? Io sono grato ogni giorno alle persone che questo coraggio ce l’hanno, perché io al posto loro mica lo so se ce l’avrei. 
E anche se parliamo semplicemente di uomini gay un po’ effeminati o di lesbiche un po’ mascoline, non è meraviglioso che possano esprimersi per come si sentono, senza dover chiedere scusa a nessuno?

7. La richiesta e l’ottenimento dei diritti non ha niente a che vedere con l’essere conformi.

E pure qui, Luigi’, te lo devo veramente spiegare? Se hai diritto a qualcosa, c’hai diritto ad averla pure se sei antipatico, malvestito o col rimmel che ti cola. Se no non è un diritto, è un’elemosina. E io quella la lascio ai preti, che coi diritti so’ messi male ma che con l’elemosina ci hanno ristrutturato l’attico del Cardinal Bertone. E se pensi che non ci danno i diritti perché non gli piace come ci vestiamo, beh, te commenti da solo.

(Se ancora non ti è chiaro il concetto su questo c’ho scritto anche una simpatica nota).

8. Al Pride ci si va (anche) per chiedere (più) diritti, compresi quelli che non ti interessano.

Perché la legge sulle unioni civili è più monca di Capitan Uncino e ancora non ci riconosce la stepchild adoption e ancor meno matrimoni e adozioni. E anche se te, Luigi’, non te vuoi sposa’ o non hai un compagno con figli, ci sta tanta gente che queste cose le vorrebbe. E se non ci vai te a manifestare con loro, chi ce deve andare? La Binetti?
Se poi pensi che il Pride non serva come strumento di lotta politica, allora me stai a di’ che le manifestazioni politiche sono inutili e nessuno ci ha mai capito niente. Certo, oltre al Pride bisogna cercare di migliorare la società ogni giorno, ma serve pure ogni tanto far vedere che siamo tanti, che siamo ovunque e che abbiamo degli obiettivi comuni.

9. Al Pride ci si va (anche) per chi non può farlo.

Ci vai per il diciassettenne gay della provincia di Catanzaro che se si sapesse che è gay sarebbe buttato fuori di casa. Ci vai per la ragazza lesbica che “è una fase, poi passerà”. Ci vai per l’adolescente che si è buttato dalla finestra perché i compagni di scuola lo prendevano in giro. Ci vai per quelli che non ce l’hanno fatta, che sono morti senza vedersi riconosciuto uno straccio di diritti. Ci vai per quelli che non hanno avuto il coraggio, che vivono doppie vite con le loro mogli e i loro figli e le loro notti nei parchi o nelle chat alla ricerca di sesso e vergogna. 
Ci vai perché tu, fortunello, puoi. E tanti altri no.

10. Al Pride ci si va (anche, soprattutto) per se stessi.

Perché anche se sei nato giallo in un mondo di blu ce l’hai fatta: sei sopravvissuto, sei libero, puoi amare chi ti pare. E se non sei coglione, caro Luigino, nel percorso che hai fatto hai imparato tante cose che chi si trova la strada già segnata forse imparerà molto più tardi e a carissimo prezzo, quando capirà che non esiste un modo giusto o sbagliato di vivere, ma solo quello che ci avvicina di più a chi sentiamo di essere. Al Pride ci vai perché essere gay o lesbica è la più grande fortuna che ti potesse capitare, perché ti ha permesso di diventare la persona che sei, con tutti i tuoi pregi e difetti. E quella persona, dopo aver passato tanto tempo a volerla nascondere, finalmente la accetti e ogni tanto addirittura la ami.

C’è di che essere orgogliosi, non trovi?

One clap, two clap, three clap, forty?

By clapping more or less, you can signal to us which stories really stand out.