chedati.(g0v).it — come gestire la domanda di Open Data nel 2019?

Matteo Brunati
May 28 · 8 min read

Oggi le iniziative Open Data sono costruite tutte relativamente intorno all’offerta. Non è facile aggregare il lato domanda (anche per colpa della frammentazione della società civile). Considerando anche l’esistenza del FOIA, la domanda di apertura di dati non sembra decollare o manifestarsi in modo rilevante. Cosa non funziona di certo e come si potrebbe favorire la creazione e l’aggregazione della domanda di Open Data.

Quali sono gli elementi cardine della questione

Un esempio di perdita di fiducia nelle dichiarazioni su agende e panieri costruiti sull’offerta di Open Data da parte della Pubblica Amministrazione.

ad oggi, non c’è un modo facile per incrociare il bisogno degli attivisti (l’accesso ai dati) con l’attività delle Amministrazioni: ci abbiamo provato anche nel 2017 con quello che avevamo chiesto al Dipartimento della Funzione Pubblica all’interno dell’Open Government Forum con risultati a dir poco deludenti. Serve “uno sportello unico” per aggregare tutte le richieste di dati della società civile (da quanti anni parliamo di CAP in Open Data?) e che, contemporaneamente, renda tracciabili ed evidenti le soluzioni delle Amministrazioni;

Un tweet semiserio sull’eterna questione dei CAP che non sono disponibili in Open Data

chedati.(g0v).it — lo sportello unico (che ancora non esiste) per raccogliere la domanda di Open Data

Il processo è stato semplice e ho buone speranze di avere i dati che mi servono.

Per approfondire ulteriormente


Fine 2010

2012 — oggi: Open Data Engagement

Il terzo piano di azione per OGP: dal 2016 al 2018

La consultazione del quarto piano d’azione per OGP dell’aprile 2019

Il progetto “Open Data Demand” del GovLab


CivicHackingIT

Riflessioni in italiano sul civic hacking, l’openness, gli Open Data, i prototipi, il rapporto tra amministrazioni e cittadini (e viceversa). Dal 2017, questo blog e la newsletter sono curati da Erika Marconato e Matteo Brunati, altro su civichacking.it.

Matteo Brunati

Written by

Web addicted, Community Manager at @SpazioDati. Member of Spaghetti Open Data, IWA Italy, OK Italy. FSFE Fellow. Working on #CivicHackingIT

CivicHackingIT

Riflessioni in italiano sul civic hacking, l’openness, gli Open Data, i prototipi, il rapporto tra amministrazioni e cittadini (e viceversa). Dal 2017, questo blog e la newsletter sono curati da Erika Marconato e Matteo Brunati, altro su civichacking.it.