What’s behind the first sustainable UBI: HUDI and the Human Data Income

ENGLISH | ITALIANO

Is artificial intelligence our friend or enemy? Surely it’s our friend, it makes life easier for us often, does things for us.

It does things for us….

If we stop for a moment to think about this concept, we will soon see that “all that glitters is not gold”. Technology is taking giant leaps forward and it is common knowledge that in the upcoming years, robots will be so “smart” that they will be able to work for us (and in some sectors they already do).

“Wow, amazing! My company has just bought a machine that does all the work for me”.

Are you sure you would be happy about this? Who would pay your salary if your company no longer needed you?

Unfortunately, nobody. You would end up with no job and no money.

In the next few years, the development of A.I will inevitably lead to an enormous increase in unemployment rates and we cannot ignore this wake up call: how will it be possible to have sustainable societies in the following years, if most consumers will not have sufficient income to buy products and services?

The hypothesis supported by everyone (but difficult to implement)

In this new scenario, the only source of income for human beings would be to implement a Universal Basic Income (UBI) at a state level, a sort of monthly income for all individuals, regardless of their work condition, which would allow people to cover the basic expenses needed to live a dignified life.

If you want to learn more about the UBI and get a better understanding of what it is and how it works, read this article.

The project was already tested in some countries (such as: Canada, India, Brazil, Finland and the Netherlands) and produced interesting results.

In fact, in the places where the experiment was conducted, people responded positively to receiving “easy money” (for example, the consumption of alcohol did not increase and the quality of the nutrition and rate of young people completing their education increased).

However, we are faced with a problem: not all countries can support a UBI, or at least not in the exact same way, under the same conditions.

The introduction of a basic income would certainly require a reshaping of income tax, tax reforms and other social policies. There is, therefore, no universal solution that could work positively for all countries, but each state would have to adopt local solutions according to their needs.

Focusing on an international tax regulation would be a slow and complex process and this would make the implementation on a worldwide scale almost impossible.

It is therefore necessary to find an alternative solution.

So, what could it be?

HUDI — The Human Data Income

The only solution that could generate a sustainable Universal Basic Income would be one based on a real resource that generates profits and that is already owned by people. What is this resource that meets all of these requirements?

DATA.

That trail of numbers that we leave behind every time we surf the web and that is enriching the largest companies in the world. The personal data of users today is the most important resource for mankind and the large digital multinationals know this well.

But we, the users, are unaware of this and so let them take it from us for free.

Just like 500 years ago, the Native Americans were unaware of the enormous value of the gold they owned and gave it to the Conquistadors in exchange for fabrics of little value, we are unknowingly providing our valuable data to large companies and all we get in return is just a Facebook and Google account.

If you want to know why large companies are legally stealing our data, like the Conquistadors who robbed the Native American’s gold, read this article.

Nevertheless, the time has come to change the current state of things, it is time to wake up and realise that our data could soon become a source of income for us all.

And this is the project we are working on.

The basic idea is called Human Data Income (HUDI), it is a source of income generated in the digital world, thanks to the exchange of data and attention. An ecosystem in which users will finally have the opportunity to be remunerated thanks to the data they provide to large digital companies.

Are you a company and want to have my data to help you do business with other companies or to use in order to use in target advertising (and therefore profit from it)? That’s fine, but you will have to pay me for the data I am providing.

How much is the data market worth?

The HUDI project will represent a real “paradigm shift” in the world of data and advertising.

Despite being a brand new concept, HUDI is integrated on an extremely solid and constantly growing market, that of data intermediation and user attention.

Let’s talk about numbers.

The data market consists of Data Brokerage and Advertising:

  • The Data Brokerage market in 2018 is worth around 476 billion dollars.
  • The Advertising market is expected to reach 757 billion dollars in 2021.

Therefore, the total value exceeds 1 trillion dollars (1000 billion).

It is a consistently growing market: just think that in 2016 and 2017 alone, 90% of the total existing data was generated.

A flourishing market, which will aid in making the HUDI project sustainable and its implementation possible.

To see how the data market works and how companies profit with your data you produce behind your back while you surf the web, read this article.

How will HUDI work?

HUDI will work thanks to a decentralized platform based on a blockchain technology, which will allow you to maintain security and anonymity. In this way, users will be free to decide whether to participate in campaigns of various kinds (advertising, statistics etc …) and be remunerated in “HUDI Coins” (convertible in other currencies), with which they can then use to purchase products and services.

We strongly believe that this project, which will be launched at the end of 2018, will improve human life. In fact, to facilitate human development in a healthy and profitable way, it is necessary that each individual is able to count on a secure economic basis that can grant time and energy that can then be directed towards the person’s own development.

Towards the fulfillment of a meaningful life for oneself and for others.

In the next article we will discuss the details of the HUDI ecosystem and will reveal all its features, I would encourage you to read it as soon as it is published.

👏If you found this article interesting, leave us all the CLAPS you want! 👏

Click here to join Hudi’s Telegram Community and see you soon.

Connect or contribute

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn


Dietro le quinte del primo Universal Basic Income sostenibile: HUDI e lo Human Data Income

L’intelligenza artificiale è amica o nemica dell’uomo? Sicuramente è nostra amica, ci facilita la vita in moltissime occasioni, fa le cose al nostro posto.

Fa le cose al nostro posto…

Ma se riflettiamo un attimo su questo concetto, vediamo che “non è tutto oro ciò che luccica”. La tecnologia sta compiendo passi da gigante e ormai è noto che nei prossimi anni i robot saranno così “intelligenti” da poter persino lavorare la nostro posto (e in parte già lo fanno).

“Ah, che spettacolo! la mia azienda ha comprato una macchina che lavora e fatica al posto mio”.

Sicuro? E chi ti pagherebbe lo stipendio se tu non servissi più all’azienda?

Purtroppo, nessuno. Rimarresti senza lavoro e senza soldi.

Nei prossimi anni lo sviluppo dell’I.A. porterà inevitabilmente ad una crescita enorme della disoccupazione e questo campanello d’allarme non può lasciarci indifferenti: come potremmo avere società sostenibili nei prossimi anni, se gran parte dei consumatori non avranno un reddito sufficiente per acquistare prodotti e servizi?

L’ipotesi sostenuta da tutti (ma difficilmente attuabile)

In questo nuovo scenario, l’unica fonte di guadagno per l’uomo sarebbe attuare a livello statale un Universal Basic Income (UBI), ovvero una sorta di reddito mensile per tutti gli individui, a prescindere dalla propria condizione o dal proprio lavoro, che permetta di coprire le spese fondamentali per condurre una vita dignitosa.

Se vuoi approfondire l’argomento UBI e capire meglio cos’è e come funziona, ti consiglio di leggere questo articolo.

Il progetto è stato già sperimentato in alcuni paesi (come Canada , India, Brasile, Finlandia e Olanda), ed ha prodotto risultati interessanti. Infatti nei luoghi in cui è stato condotto l’esperimento, le persone hanno risposto in maniera positiva alla ricezione di un “denaro facile” (ad esempio, non è aumentato il consumo di alcool, e sono aumentati la qualità dell’alimentazione e il tasso di completamento degli studi da parte dei giovani)

Ma c’è un problema: non tutti i paesi possono sostenere un UBI, o quantomeno non tutti alle stesse condizioni. L’introduzione di un reddito di base richiederebbe certamente una rimodulazione della tassazione sui redditi, riforme tributarie e altre politiche sociali.

Non esistono dunque soluzioni universali che possano andar bene per tutti i paesi, ma ogni stato dovrebbe adottare soluzioni locali in base alle proprie esigenze.

Puntare su una regolamentazione fiscale internazionale sarebbe un processo lento e complesso e ciò rende l’implementazione su scala mondiale pressocchè impossibile.

Occorre quindi trovare una soluzione alternativa.

Già, ma quale?

HUDI — The Human Data Income

La miglior soluzione per generare un Universal Basic Income sostenibile è che sia basato su una risorsa reale, che generi profitti e che sia già di proprietà delle persone.

Qual è la risorsa che risponde a tutti questi requisiti? I DATI.

Quella scia di numeri che ci lasciamo dietro ogni qualvolta navighiamo sul web, e che sta facendo la fortuna delle più grandi aziende del mondo. I dati personali degli utenti oggi sono la risorsa più importante per l’uomo, e le grandi multinazionali della rete lo sanno bene. Ma noi utenti non ce ne rendiamo conto e lasciamo che ce li prendano gratuitamente.

Esattamente come 500 anni fa gli Indiani d’America non si rendevano conto del valore dell’oro che possedevano e lo davano ai Conquistadores in cambio di pellami, noi stiamo fornendo, senza renderci conto del valore, i nostri dati, alle grandi aziende, in cambio al massimo di un account su Facebook e Google.

Se vuoi sapere perché le grandi aziende stanno rubando legalmente i nostri dati, come i Conquistadores si appropriavano dell’oro degli Indiani, ti consiglio di leggere questo articolo.

Ma è ora di cambiare lo stato delle cose, è ora di svegliarsi e di prendere coscienza del fatto che i nostri dati possano presto divenire una fonte di reddito per tutti noi.

E questo è il progetto a cui stiamo lavorando.

L’idea di base si chiama Human Data Income (HUDI) è una fonte di reddito generata nel mondo digitale, grazie allo scambio di dati ed attenzione. Un ecosistema in cui gli utenti avranno finalmente la possibilità di essere remunerati grazie ai dati che forniscono alla grandi aziende.

Sei un’azienda e vuoi avere i miei dati per poter fare compravendita con altre aziende o per fare pubblicità mirata (e quindi per guadagnare)? Benissimo, dovrai pagarmi per ciò che ti sto fornendo.

Quanto vale il mercato dei dati?

Il progetto HUDI rappresenterà un vero e proprio “cambiamento di paradigma” nel mondo dei dati e della pubblicità.

Pur essendo un concetto nuovissimo, HUDI si installa in un mercato estremamente solido e in crescita costante come quello dell’intermediazione di dati e attenzione degli utenti.

Ma di che numeri parliamo? Il mercato dei dati è composto dal Data Brokerage e dall’Advertising:

  • Il mercato del Data-brokerage nel 2018 vale circa 476 miliardi di dollari.
  • Il mercato dell’Advertising ci si aspetta arrivi nel 2021 a 757 miliardi di dollari.

Dunque, il valore totale supera 1 Trilione di dollari (1000 miliardi).

Ed è un mercato in crescita costante: basti pensare che solo negli anni 2016 e 2017 sono stati generati il 90% dei dati totali esistenti.

Un mercato fiorente, che renderà sostenibile il progetto HUDI e possibile la sua implementazione.

Per vedere come funziona il mercato dei dati e come le aziende guadagnano alle tue spalle con i dati che produci mentre navighi, leggi questo articolo.

Come funzionerà HUDI?

HUDI funzionerà grazie ad una piattaforma decentralizzata basata su una tecnologia blockchain, che consentirà di mantenere sicurezza e anonimato. In questo modo, gli utenti potranno decidere di partecipare a campagne di vario genere (pubblicitarie, statistiche etc…) ed essere remunerati in “HUDI Coin” (convertibili in altre valute), con cui poter acquistare prodotti e servizi.

Crediamo fortemente che questo progetto, che sarà lanciato a fine 2018, possa migliorare la vita dell’uomo.

Per facilitare un sano e proficuo sviluppo umano, infatti, è necessario che ciascun individuo possa contare su una base economica sicura che possa concedergli tempo ed energie da indirizzare verso lo sviluppo della persona. Verso la realizzazione di una vita significativa per se stessi e per gli altri.

Nel prossimo articolo entreremo nei dettagli dell’ecosistema HUDI e ne scopriremo tutte le caratteristiche, ti invito a leggerlo non appena verrà pubblicato.

👏Nel frattempo, se hai trovato interessante quest’articolo dacci tutti i CLAP che desideri! 👏

Clicca qui per entrare a fare parte della Community Telegram di Hudi.

Ci vediamo presto.

Seguici e Contribuisci

Website | Whitepaper | Telegram | Facebook | Instagram | Twitter | LinkedIn